Guide, Recensioni, Hacking e Mobile alla portata di tutti.

Come installare Google Assistant in italiano su Android

0

Negli ultimi giorni non si fa altro che parlare di Google Assistant. Ma cos’è? Come possiamo installarlo sui nostri telefoni? Bene, Assistant è l’assistente vocale sviluppato da Google, per competere con Siri (assistente vocale di Apple) e Cortana (assistente vocale di Microsoft). L’installazione sui nostri terminali avviene in modo automatico da parte di Google. Purtroppo non arriva a tutti in contemporanea, infatti, in Italia solo pochissime persone hanno già ricevuto Assistant, chi ancora deve riceverlo, dovrà attendere almeno dino al 15 Novembre.

Visto che noi odiamo aspettare, abbiamo trovato un modo per “forzare” l’installazione di Google Assistant in italiano sul nostro smartphone, e abbiamo deciso di condividerlo con voi.

Questa procedura non interessa il Google Pixel 2.

Installare Google Assistant in italiano

Prima di procedere, ricordatevi che abbiamo bisogno dei permessi di ROOT attivi sul nostro telefono e una custom recovery, altrimenti non potremo eseguire alcuni passaggi fondamentali.

 ro.product.brand=Google
 ro.product.manufacturer=Google
 ro.product.model=Pixel 2 XL
  • Installiamo il file .apk scaricato in precedenza e riavviamo il nostro telefono in modalità recovery.
  • Da recovery installiamo il file 20171024_GoogleLensInstaller_ZeevoX.zip scaricato in precedenza.
  • Impostiamo la lingua del nostro terminale in inglese.
  • Avviamo Google Assistant (possiamo farlo tenendo premuto il tasto home oppure cliccando sull’icona nel menù delle app).
  • Ritorniamo alla lingua italiana e avviamo di nuovo Assistant.
  • Apriamo di nuovo BuildProp Editor e modifichiamo i precedenti valori, con quelli originali.

Abbiamo terminato l’attivazione, se tutto è andato bene, dovremmo ritrovarci con l’assistente vocale di Google attivo. Alcuni comandi ancora non sono stati tradotti in italiano, non preoccupatevi. Ancora un po’ di tempo e tutto funzionerà alla perfezione. Fateci sapere se riuscite ad eseguire la procedura.

*Prima di modificare le stringhe, salvatevi i valori originali. Questo passaggio ci permette di by-passare il controllo di Google, facendo passare il nostro terminale come un Google Pixel 2 XL.

Leave A Reply

Your email address will not be published.