Cosa sono i permessi di Root e a cosa servono

Non tutti sanno che Android è basato su kernel Linux, anche se il sistema è progettato appositamente per girare su dispositivi mobile. Ecco perché sentiamo spesso parlare di Root su Android. Gli esperti sapranno già di cosa stiamo parlando, ma per chi è alle prime armi? Cosa sono i permessi di Root? A cosa servono? Possono causare danni? Come posso ottenerli?

Noi di DopedGeeks che da anni smanettiamo con i diversi dispositivi Android, tra permessi di Root, sblocco di Bootloader, Boot loop, custom rom e quant’altro, abbiamo acquisito una certa esperienza ed oggi abbiamo deciso di condividerne un po’ con voi.

Cosa sono i permessi di Root?

Analizziamo un attimo la parola “root”, dall’inglese “radice”, questo significa che con i permessi di Root possiamo accedere alla radice del sistema operativo, modificando ed eliminando anche i file di sistema che di solito sono nascosti. Root, infatti, è l’utente amministratore con i massimi privilegi nei sistemi operativi basati su Linux.

Per rendervi le idee più chiare possiamo farvi l’esempio di Windows, a volte ci viene chiesto di avviare un’applicazione con i “Privilegi di amministratore“, magari perché l’applicazione deve accedere a funzioni, file di sistema o cartelle non accessibili ad un normale utente.

Cosa posso fare con i permessi di Root?

Ora che abbiamo le idee più chiare su cosa siano i permessi di Root, possiamo vedere cosa ci permettono di fare realmente su un dispositivo Android. Chi è alle prime armi, e non ha pazienza di imparare, potrà facilmente fare danni, forse anche permanenti, sul proprio dispositivo, chi invece è curioso ed ha sete di conoscenza, potrà fare molto.

Vantaggi del Root

  • Uno dei vantaggi dei permessi di Root su Android è sicuramente quello di poter eliminare definitivamente applicazioni installate direttamente dal produttore che normalmente potrebbero solo essere disattivate, per liberare memoria e velocizzare il sistema, tipo i vari Samsung di fascia medio-bassa o gli LG. L’app perfetta per eseguire questo compito è sicuramente Root Uninstaller.
  • Possiamo personalizzare il sistema operativo, installando dei temi in modo permanente.
  • Grazie ai privilegi di Root possiamo sfruttare diverse app, ad esempio Titanium backup che ci permette di effettuare un backup completo delle app presenti sul nostro dispositivo, dei salvataggi di giochi o messaggi.
Leggi anche:  Ottenere i permessi di root su Asus ZenFone 2

Svantaggi del Root

  • Lo svantaggio maggiore è la perdita della garanzia ufficiale da parte del produttore, Samsung con il suo contatore Knox insegna.
  • Perdita degli aggiornamenti tramite OTA.
  • Visto che i permessi di Root ci danno libero accesso a tutte le cartelle e le funzioni dello smartphone, installando applicazioni da fonti sconosciute, potremmo mettere a rischio la sicurezza dei nostri dati e di conseguenza la nostra privacy.
  • Alcune applicazioni come Skygo, Infinity o TimVision non funzionerebbero più.

Come ottenere i permessi di Root

Non esiste una procedura univoca, bisogna eseguire una diversa operazione per ogni dispositivo e per ogni versione di Android. I Samsung a volte richiedono l’utilizzo del software Odin, con i Huawei bisogna installare una custom recovery come la TWRP, installare il pacchetto root ed eseguire alcuni comandi tramite Fastboot da PC. Altri telefoni Android, invece, possono ottenere i permessi di root tramite app come Kingroot o applicazioni da eseguire sul PC dopo averne effettuato il download.

Servono ancora i privilegi di Root?

Negli anni passati serviva davvero eseguire questa procedura, un po’ per l’hardware poco performante degli smartphone e un po’ per il software Android che non era ancora maturo sotto certi aspetti. Attualmente pensiamo che i permessi di Root servano sempre meno, Android ha raggiunto un livello di stabilità impressionante, sono state aggiunte funzioni che prima richiedevano i permessi di Root per essere abilitate. Ormai l’hardware dei dispositivi è sempre più performante ed Android aggiunge sempre più funzioni.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.