Google X a lavoro per trovare alternative alle comuni batterie agli ioni di litio




Secondo il Wall Street Journal, il laboratorio di Google X sta sviluppando batterie migliori che durano più a lungo. 

La società non ha ancora confermato nulla, ma visto che la maggior parte dei suoi prodotti richiedono batterie per funzionare (telefoni, smartwatch, ecc), risulta difficile smentire la notizia. 

Questa particolare iniziativa, è iniziata nel lontano 2012, quando il dottor Ramesh Bhardwaj ha cominciato a fare test sulle fonti di alimentazione dei dispositivi Google. Ora, la sua squadra di quattro uomini è al lavoro all’interno di una struttura semi-segreta della società, cercando di migliorare la tecnologia agli ioni di litio. Stanno anche cercando soluzioni a “stato solido”, visto che ormai è economicamente fattibile la produzione di massa per i prodotti di consumo.

A differenza delle batterie agli ioni di litio, quelle a stato solido sono più piccole, perché trasmettono correnti di tutti i solidi piuttosto che liquidi. L’assenza di elettroliti liquidi infiammabili significa anche che sono più sicure, che è il motivo per cui il team del Dott Bhardwaj prevede di sviluppare la tecnologia anche per le lenti a contatto intelligenti X di Google. 

Se la notizia è vera, allora Google si unisce una lista crescente delle grandi aziende tecnologiche, che cercando di risolvere uno degli attuali problemi che hanno i nostri cari dispositivi tecnologici; la durata della batteria, che ormai è diventata un enorme problema in quanto, i nuovi dispositivi stanno diventando sempre più complessi e assetati di “energia”. 


Tesla sta progettando di aprire un Gigafactory per la produzione di batterie per i suoi veicoli elettrici negli Stati Uniti, e Apple sta formando riferito una “divisione batteria su larga scala”.
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.