Intel o AMD? Ecco quale CPU scegliere

In questo periodo di quarantena abbiamo avuto molto tempo a disposizione per noi stessi, infatti, molte persone hanno sfruttato questo tempo per terminare quei videogiochi iniziati mesi prima e poi abbandonati per mancanza di tempo, altri invece per ammazzare il tempo hanno deciso di assemblare un nuovo PC Desktop e sfruttarlo per il Gaming e proprio per questo, molti amici e/o parenti ci hanno chiesto consigli sulla scelta della CPU per PC Desktop.

Il dubbio amletico

Chiaramente il dubbio amletico è sempre lo stesso: Quale CPU scegliere tra AMD e Intel?
Se ci fosse stata posta anni fa questa domanda avremmo risposto “Intel” senza pensarci su, ma oggi, con il ritorno di AMD grazie alle sue CPU Ryzen, il discorso cambia, ma facciamo un po’ di ordine e capiamo le vere differenze tra le varie CPU.

Cosa è successo in questi anni

Nessuno può negarlo, ci sono stati periodi, anche lunghi, dove Intel ha dominato il mercato, grazie alla “non concorrenza” di AMD che si ritrovava ad inseguire senza mai sfornare una CPU degna di nota, CPU con architetture (Bulldozer) che su carta facevano ben sperare, ma poi nella realtà, deludevano, non tanto per le pure prestazioni ma per le temperature gestite molto male e la poca ottimizzazione.

L’anno della rinascita

Fortunatamente dal 2017 Intel ha iniziato a preoccuparsi perché AMD ha introdotto sul mercato delle CPU con un’architettura completamente nuova (ZEN), socket AM4 , processo produttivo a 14nm e un TDP finalmente decente, stiamo parlando degli AMD Ryzen con le seguenti varianti:

  • Ryzen 3 con  4 core e 8 thread
  • Ryzen 5 con  6 core e 12 thread
  • Ryzen 7 con  8 core e 16 thread
  • Ryzen 9 con  12 core e 24 thread

Da qui Intel con l’ottava generazione ha deciso di effettuare dei cambiamenti alla sua linea di CPU Desktop. Ha introdotto il modello I9 alla serie e cambiato le caratteristiche dei vecchi modelli, nello specifico:

  • L’ I3 è passato da 2 core e 4 thread a 4/4
  • L’ I5 è passato da 4 core e 4 thread a 6/6
  • L’ I7 è passato da 4 core e 8 thread a 6/12
  • L’ I9 con 8 core e 16 thread
Leggi anche:  Cose da sapere prima di acquistare un monitor

Tutto questo perché fin da subito le CPU AMD Ryzen si sono dimostrate valide alternative a quelle Intel e questa volta non solo su carta!

La scelta di non cambiare socket

Una grossa differenza tra i 2 produttori sta anche nel fatto che AMD dal prima generazione di Ryzen non ha cambiato socket (AM4) e di conseguenza per effettuare un aggiornamento della CPU non occorre necessariamente cambiare anche scheda madre, basta un aggiornamento del BIOS, se disponibile. Mentre Intel, come sempre ogni 2 generazioni cambia socket costringendo noi consumatori ad acquistare una nuova scheda madre in caso decidessimo di effettuare un upgrade della CPU.

Il processo produttivo e il PCI-Express

Una caratteristica degna di nota è il processo produttivo della serie 3000 dei Ryzen che è stato portato a 7nm contro gli ancora 14nm di Intel. I 7nm hanno consentito ad AMD di ottimizzare le temperature delle CPU con velocità di clock maggiori rispetto ai precedenti modelli.
I Ryzen 3000 hanno, inoltre, anche il supporto al PCIe 4.0 (solo se abbinate a schede madri B550 o X570) che consente una maggiore velocità per quanto riguarda la connessione tra GPU e scheda madre e gli SSD M.2.

Le APU di AMD

AMD ha un primato che Intel non è mai riuscita ad eguagliare, cioè le APU (Accelerated processing unit), possiamo definirle un 2 in 1, una CPU con una scheda grafica discreta integrata.
Le APU sono progettate per chi ha bisogno di un PC low budget e non ha grosse pretese per quanto riguarda il gaming, di fatto con le APU ci si può giocare discretamente a dettagli medio/bassi con risoluzione a 720p.
Danno il loro meglio se abbinate a delle RAM con frequenze abbastanza alte (3000/3200Mhz). Anche Intel ha le sue GPU integrate nei processori, ma hanno delle prestazioni davvero scarse se paragonate alle APU di AMD. Attualmente i modelli di punta delle APU AMD sono:

Ryzen 3 3200G 4 core e 4 thread e GPU Vega 8 integrata.

Ryzen 5 3400G 4 core e 8 thread  e GPU Vega 11 integrata.

I 2 modelli sopracitati hanno prestazioni inferiori rispetto ai fratelli maggiori che non hanno una GPU integrata, costano qualcosina in meno e permettono l’utilizzo del PC anche senza GPU dedicata.

Leggi anche:  Noua Utopia F5, il case da Gaming RGB economico

I vari Modelli di CPU

Dopo la breve introduzione cerchiamo di capire cosa ci offre il mercato.

AMD è arrivata alla serie 3000 con i suoi Ryzen, mentre Intel alla serie 10000. Le varianti di entrambe le case sono sempre le stesse, cambia solo la serie, le frequenze di clock e qualche piccola innovazione, per lo più in casa AMD, come già scritto in precedenza.
Le uniche differenze nette tra AMD e Intel, sono, la grafica integrata, infatti, tutte le CPU Intel ne hanno una (Intel UHD) e questo permette l’utilizzo del PC anche senza una GPU dedicata, magari per un risparmio iniziale e un futuro upgrade, ma non è che si possa fare granché, mentre AMD ha scelto di non integrare la grafica nei suoi Ryzen, visto che per questo ci sono le apposite APU (Ryzen G). Il processo produttivo a 7nm che permette di aumentare le frequenze di clock senza un elevato aumento delle temperature e il supporto al PCIe 4.0.
Le prestazioni in game sono quasi identiche, forse qui Intel vince perché riesce a garantire qualche FPS in più, ma questo dipende anche dal modello di GPU, i driver installati ed altro.

Conclusioni

Attualmente le CPU AMD hanno un rapporto prezzo/prestazioni ottimo, costano in media 25/35€ in meno alle CPU Intel, hanno un processo produttivo a 7nm rispetto ai 14nm di Intel, hanno il supporto al PCIe 4.0, vengono fornite con dei dissipatori discreti per la serie X, AMD ha collaborato con Cooler Master per la realizzazione di dissipatori, di potenza ne hanno da vendere e il socket non è cambiato dalla 1° serie! Se non avete particolare esigenze e volete risparmiare qualcosina, vi consigliamo di dare uno sguardo alle CPU AMD, non fatevi illudere dai commenti o post dei fan boy, con questo non stiamo dicendo che le CPU Intel non siano valide. Ultimo appunto, Linus Torvalds (creatore del Kernel Linux) dopo 15 anni di CPU Intel ha deciso di passare ad AMD acquistando un Threadripper 3970x, una belva da 32 core!

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.