L’IPTV è reato? Ecco i rischi per gli utenti

Con l’aumento dei costi degli abbonamenti della Pay Tv (SKY – Mediaset), molte persone, ignare dei rischi, decidono di acquistare abbonamenti illegali ad un costo decisamente più basso. Questi abbonamenti sfruttano la tecnologia della IPTV per godersi le partite di calcio, Seria A, Champions League o i vari gran premi di MotoGP e Formula 1. Ma, cos’è l’IPTV e che rischi si corrono acquistando abbonamenti illegali? Cerchiamo di capirne di più.

Cos’è l’IPTV?

In campo tecnologico, si sa, negli anni, si cerca di adattare o rivoluzionare le vecchie tecnologie, rendendole innovative e a passo con i tempi. Anche la TV ha subito questa evoluzione, infatti, da qualche anno è possibile vedere le trasmissioni televisive trasmesse via cavo o via satellite anche attraverso i nostri dispositivi multimediali (PC, Smart TV, Smartphone,  Tv box Android) utilizzando la connessione ad internet, questa tecnologia, legale, prende il nome di IPTV (Internet Protocol Television), anche qui la pirateria non si è fatta attendere, infatti, sfruttando la tecnologia dell’IPTV, “i pirati informatici” riescono a trasmettere i canali della Pay TV, vendendo abbonamenti illegali, ad un costo decisamente più basso rispetto agli abbonamenti legali. Come già anticipato, molte persone, ignare dei rischi che si corrono utilizzando tali abbonamenti, decidono di acquistarli e sfruttarli.

Cosa rischia chi utilizza l’IPTV?

Utilizzare liste IPTV che contengono canali della Pay Tv è illegale ed i rischi sono molto alti. Fino a qualche anno fa, commetteva reato solo chi offriva il servizio, oggi invece è cambiato tutto, anche l’utente rischia. Si parte con una multa di qualche migliaia di euro fino ad arrivare a mesi di reclusione in carcere. Quindi, per la legge italiana di rischi legali reali ce ne sono.

Leggi anche:  Risolvere problemi di rete con il PC

È possibile utilizzare liste IPTV in modo sicuro?

La visone delle liste avviene attraverso la connessione ad internet, quindi un modo per “nascondere” le tracce esiste, si possono utilizzare i diversi servizi VPN, alcuni free, messi a disposizione dalle diverse società, che permettono di nascondere il nostro indirizzo IP rendendoci “navigatori anonimi”. Con questo non vogliamo invogliarvi ad utilizzare servizi illegali.

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.